Arci Jesi-Fabriano

“Potranno recidere tutti i fiori ma non potranno fermare la primavera”

Lascia un commento

L’Italia che non si vede. Interessante discussione questa sera, mercoledì 28, presso la Biblioteca La Fornace di Moie, insieme ad un  gruppo di operai e delegati Fiom della Fiat e altri stabilimenti della zona.
Al centro dell’attenzione il “LAVORO”, così sotto attacco da tempo ma in misura ancora più particolare in questi ultimi tempi.
Lo stimolo per ritrovarci è stato creato attorno alla proiezione del film “La fabbrica incerta”, un’inchiesta con interviste e racconti di operai e delegati della Fiat di Pomigliamo.
Un film diretto da Luca Russomando e presentato un paio di anni fa al concorso per audiovisivi organizzato da Ucca, Arci e Cgil.
Alla fine della discussione l’impegno reciproco, di fiom e arci, di ritrovarsi insieme per organizzare ulteriori momenti, culturali sociali e politici, su questi temi così centrali e importanti per l’intera nostra società.
“Potranno recidere tutti i fiori ma non potranno fermare la primavera”  è un verso di Pablo Neruda citato in chiusura da una delegata Fiom per sottolineare lo spirito di  caparbietà e ostinato ottimismo di cui c’è bisogno e che anima la volontà di lotta pur in una situazione assai difficile.

La prossima proiezione della rassegna è giovedì 29 alle ore 21.15 al circolo Corto Maltese di Fabriano, con il film GIORDANO BRUNO, di Giuliano Montaldo, con Gian Maria Volontè.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...