Arci Jesi-Fabriano

VIDEOGIOCHI – aggiornamenti

VIDEOGIOCHI: LE ULTIME NOVITÁ SULL’ISCRIZIONE NELL’ELENCO (15/09/2011)

Riparte il countdown per l’iscrizione all’elenco dei soggetti abilitati all’accesso alla “filiera” del gioco (apparecchi da divertimento con vincite in danaro); l’iscrizione, come più volte ribadito, riguarda anche i circoli privati in cui sono presenti tali dispositivi (sezione C dell’elenco).

Giova riepilogare brevemente i principali adempimenti connessi, alla luce delle modifiche introdotte dalla manovra estiva 2011 (art.24, comma 41 L. 111 del 15/7/2011) e rinviando, per il dettaglio, alle note filorosso dei mesi scorsi.

La richiesta di iscrizione (modulo RIES/C6) deve essere inoltrata alla Direzione regionale dei monopoli di stato competente per territorio, tramite le sezioni staccate (di norma provinciali); sull’istanza va applicato il bollo da € 14,62; se presentata direttamente dall’interessato (legale rappresentante) la firma è autenticata dal funzionario ricevente; viceversa (inoltro via fax o posta) è necessario allegare fotocopia di valido documento di identità; l’iscrizione opera a valere sul 2011; dovrà essere confermata annualmente entro il 31 marzo di ciascun anno.

La richiesta va corredata con:
a. il certificato antimafia (rilasciato dalla prefettura in capo a colui che ha la legale rappresentanza del circolo ): vi consigliamo di verificare la possibilità di presentarlo sotto forma di autocertificazione, prassi accolta da molti Uffici periferici AAMS;
b. il modulo per il consenso al trattamento/dati ai fini del rispetto della normativa sulla privacy;
c. la DIA o SCIA presentata per l’apertura del punto-somministrazione;
d. il versamento di € 150,00 da effettuarsi con Mod. f24-accise, codice tributo 5216, entro il 31 ottobre 2011; il versamento dovrà essere ripetuto all’atto della conferma annuale dell’iscrizione;
e. non è invece da presentare, in via ordinaria, la dichiarazione sostitutiva per la certificazione dei requisiti richiesti dal d.d. AAMS 5 aprile 2011 n. 2011/11181, come modificato dal d.d. AAMS 22 giugno 2011 n. 2011/23843: tale modulo è infatti predisposto per i casi in cui la rappresentanza esterna dell’Ente sia in capo a più di una persona (per noi il solo Presidente).

PRECISAZIONI

I. La manovra estiva 2011 ha variato in aumento l’importo da versare (inizialmente stabilito in € 100,00 ) e ha fissato il termine di versamento alla data sopra specificata. Non ha stabilito variazioni anche del termine di iscrizione, che il d.d. 2011/23843, come è noto, ha fissato al 15 novembre 2011. Abbiamo notizia, tuttavia, che qualche operatore commerciale stia accreditando la convinzione di una coincidenza del termine (31.10.2011) tra versamento e iscrizione. Sebbene il tenore della norma non consenta di trarre una simile conclusione, in attesa che AAMS si pronunci eventualmente sul tema, rimettiamo alla valutazione dei circoli e dei loro consulenti l’indicazione prudenziale di anticipare alla data predetta l’iscrizione.

II. La disposizione che ha aumentato l’importo del versamento precisa anche che “restano ferme le domande e i versamenti già eseguiti alla data del 30.6.2011”. Poiché la norma sembra introdurre un trattamento differenziato tra operatori poco giustificabile, sarebbe opportuno che sul punto AAMS intervenisse con un chiarimento.

III. I documenti sub 1), 2.b) e 2.c) sono scaricabili dal portale di AAMS, e sono stati, a suo tempo, allegati anche alle note filorosso in materia.

IV. Il modulo RIES/C6 non risulta, a oggi, aggiornato con le novità introdotte in tema di versamento dalla manovra estiva, per cui, all’atto della presentazione, si avrà cura di provvedere all’aggiornamento, salvo che nel frattempo AAMS intervenga approvando un nuovo modulo.

Ufficio studi
Filo Rosso aggiornamenti

Roma, 15 settembre 2011

—————————————————–

VIDEOGIOCHI SOGGETTI A PREU: GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER I PROVENTI INCASSATI DAL CIRCOLO (22/06/2011)

Facendo seguito a quanto preannunciato nei giorni scorsi, con la presente nota intendiamo  fissare i principali adempimenti circa il trattamento fiscale dei proventi da raccolta delle giocate sugli apparecchi da intrattenimento soggetti a PREU.

Come abbiamo più volte ricordato, tale raccolta è attualmente devoluta allo Stato, gestore unico  dei giochi predetti, che opera attraverso i concessionari della rete telematica. Questi ultimi sono legittimati ad avvalersi,  a loro volta, di  ulteriori soggetti che si qualificano quali “terzi incaricati della raccolta”. All’interno di questi ultimi si collocano, come è noto,  anche i nostri circoli.

Tale schema giuridico implica che i proventi per la raccolta delle giocate incassati dal circolo siano rilevanti ai fini della determinazione del reddito di esercizio e devono perciò essere inseriti nella dichiarazione mod. Unico; e più precisamente: nel quadro RG (se l’ente è in contabilità semplificata o in regime forfettario ex l. 398/91) o nel quadro RF (se l’ente è in contabilità ordinaria), con conseguente assoggettamento ad Ires (ovviamente al netto degli eventuali costi inerenti).

Detti proventi concorreranno anche alla base imponibile Irap, nella sezione dedicata alle attività commerciali, e dovranno dunque essere inseriti nella relativa dichiarazione.

Sul fronte Iva va precisato che, pur trattandosi di proventi esenti, per essi non vi è  l’obbligo di emissione della fattura, e ciò per una espressa deroga alla disciplina generale in materia di operazioni esenti (art. 21, comma 6, d.P.R. n. 633/1972).

Inoltre:

1) se il regime fiscale scelto non è il regime forfettario ex Legge 398/91, di tali proventi, a) se unica fonte di reddito commerciale per il circolo, non sussiste altresì obbligo di dichiarazione Iva (art. 9 d.P.R. n. 322/1998). Quindi, riepilogando: nessuna fatturazione, nessuna annotazione ai fini Iva, nessuna dichiarazione.

Invece, b) se il circolo svolge anche altra attività commerciale (per esempio somministrazione di pasti) provvederà ad inviare una dichiarazione Iva completa anche dei proventi da raccolta delle giocate, ancorché esenti. Si rammenta infatti che l’Iva sugli acquisti  inerenti la raccolta delle giocate è detraibile dall’Iva sulle operazioni attive (art. 19, comma 3, lett. E-bis, d.P.R. n. 633 cit.).

2) Se invece – caso di gran lunga più frequente –  i circoli si avvalgono del regime forfettario ex legge n. 398/91, sarà sufficiente annotare tali proventi nell’apposito prospetto dei corrispettivi e dei proventi, in separata colonna. Il criterio di tassazione ai fini IRES, in questo caso, sarà quello di cassa (cfr. Circ. Min.Finanze n. 1/1992).

Questa nota esaurisce l’inquadramento generale della questione Videogiochi-PREU.

Concludiamo con una sintesi che riepiloga  ancora una volta i punti chiave di questi rapporti:

– Il contratto deve essere diretto e a titolo oneroso con il Concessionario e non con il Gestore degli apparecchi. Ciò significa che il compenso pattuito deve essere specificato nel contratto ed erogato dal Concessionario, anche se per il tramite di un Gestore che comunque deve agire in nome e per conto del Concessionario. Questa è la condizione per cui i proventi della raccolta del gioco sono riconosciuti esenti da IVA.

Se il contratto è tra il circolo e il gestore, si ricade nella fattispecie richiamata dalla nota circolare 21/E del 2005: esclusione dalla raccolta del gioco, assoggettamento IVA dei proventi, conseguiti a diverso titolo (alimentazione apparecchi, pulizia, sorveglianza, ecc.).

– Il fatto che i proventi siano esenti IVA non cambia la loro natura commerciale (li percepiamo dai terzi titolari della raccolta), né tantomeno ci evita l’apertura della partita IVA per tale attività, posto che il Circolo non ne sia già titolare: sono i corrispettivi a ricadere nell’esenzione, non il soggetto che esercita l’attività..

– Il PREU sostituisce l’IVA e l’ISI, ma NON l’IRES né l’IRAP: ciò significa che, come detto sopra, i proventi della raccolta del gioco devono essere dichiarati in UNICO.

A corollario delle raccomandazioni più volte espresse per l’attivazione di un corretto rapporto contrattuale, che vede nel Concessionario l’unico legittimo referente di ogni attività di raccolta, sarebbe auspicabile che da parte del Concessionario venissero periodicamente trasmessi gli estratti conto riepilogativi della raccolta, dei dati del PREU e dei proventi riconosciuti al circolo, estratti conto da conservare con cura a fini di controllo. Sarebbe inoltre consigliabile, prima di provvedere agli adempimenti dichiarativi,  richiedere una certificazione complessiva dei proventi riconosciuti dal concessionario nell’anno, onde consentire di “incrociare” il dato annotato ( che sarà appunto oggetto di dichiarazione)  con l’importo risultante nei conteggi dello stesso concessionario (fonte da cui l’erario attinge le informative per verificare la corretta  tassazione).

Ufficio Studi – Filo Rosso Aggiornamenti – Roma, 22 giugno 2011

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...