Arci Jesi-Fabriano


Lascia un commento

SCÌ – Saremo Circoli Incredibili

Riaprire il futuro a partire dalle comunità. Ecco il progetto di Arci Jesi Fabriano SCÌ – saremo Circoli Incredibili

Non è una rassegna, non è un cartellone eventi, non è un festival. SCÌ è un percorso di rete, pensato con e nei circoli, per ramificare il cambiamento e per dare spazio ai bisogni della comunità

JESI- Dialogo con il territorio, coprogettazione, iniziative in rete: si chiama SCÌ – saremo Circoli Incredibili il nuovo progetto sostenuto e prodotto da Arci Jesi Fabriano, nato per attivare un confronto vivace tra Circoli, soci e pubblico e per proporre momenti di aggregazione che attraversino la geografia della vallesina, con lo scopo di riaprire il futuro delle comunità.

La chiusura prolungata dei circoli, dovuta alle restrizioni pandemiche, ha portato il Comitato a sviluppare un pensiero nuovo: non solo supportare le iniziative che prendono vita nei singoli spazi, ma aprire un dialogo con essi e con essi scegliere e pensare attività assieme ad associazioni e realtà che da anni si muovono sul territorio, così da creare ponti e collaborazioni per ramificare le possibilità del cambiamento e aprirsi al nuovo

Nei preziosi incontri tra le due curatrici del progetto, Carolina Mancini e Sofia Marasca, e i Circoli Arci – che dagli anni ‘80 abitano i Comuni e le frazioni di Jesi, Pantiere, Castelbellino, Moie, Mergo, Rosora, Fabriano, Santa Maria Nuova, Angeli di Rosora, Montecarotto, Monte San Vito, Staffolo – è stato chiesto ai soci di raccontare il quartiere, la frazione, la città in cui il circolo abita e di esprimere dei desideri per riaprire il futuro e farsi spazi delle comunità e per le comunità. Da questo confronto è nata la costellazione di attività di SCÌ – saremo Circoli Incredibili, che vuole proporre momenti di aggregazione gratuiti, raggiungibili autonomamente nel territorio della vallesina e fruibili con la stessa Tessera Arci, valida fino al 30 settembre 2022 anche a livello nazionale. 

Il primo appuntamento prenderà avvio sabato 13 novembre, alle 18:30, presso il circolo Casa di Carte di Jesi (via San Marcello), con la presentazione del libro “Questo non è amore – L’amore non uccide” della scrittrice e disegnatrice jesina Sted, che dialogherà con Casa delle donne, Collettivo Transfemminista di Jesi e con Il tavolo delle ragazze di Torino. Alle 23:00 si apriranno le danze con un djset a base di Tropical Cumbia a cura di Lavalamp (Macerata).

Il programma si sviluppa con cadenza settimanale, e coinvolge, oltre a La Casa di Carte (Circolo Ivo Pasquinelli), il Circolo E. Campanelli (Largo Tien Am En 4, Moie), il Circolo Ricreativo Pantiere (via G. Leopardi 1, Pantiere), Il Corto Maltese (via Giuseppe Verdi 7, Fabriano), il circolo Il Boccioletto (via Tiziano, Angeli di Mergo).

SCÌ – saremo Circoli Incredibili, proseguirà la coprogettazione nel 2022, anche assieme agli altri circoli e associazioni della ns rete arci nel territorio: Ricreativo Scorcelletti, Risveglio del Corpo, La Casetta, A. Mancini, Vivere Monte San Vito, Arci Voce, Ora d’Aria, Circolo Coste.

Tutte le iniziative sono gratuite previo tesseramento. La prenotazione è obbligatoria per tutti i laboratori. Per informazioni: https://www.facebook.com/ArciJesiFabriano; arcijesifabriano@gmail.com; jesi@arci.it.

Chi è interessato a conoscere meglio l’Arci, a diventare socio o vuole avviare un nuovo circolo o associazione, può contattarci. Chi vuole tenersi aggiornato sulle attività dell’Arci, può seguire anche le pagine di Arci nazionale o di Arci Marche.


Lascia un commento

Le Marche in Biblioteca

Si è conclusa la scorsa settimana la sesta edizione di “Le Marche in Biblioteca”, incontri letterari con scrittori e poeti della nostra regione, a cura della nostra associazione culturale Arci Voce aps di Jesi, insieme all’associazione Licenze Poetiche di Macerata, con la collaborazione della Biblioteca Planettiana di Jesi. L’evento è stato organizzato grazie a un contributo del Comune di Jesi attraverso lo strumento di un bando pubblico annuale a sostegno delle iniziative culturali rilevanti per il territorio.

Le conversazioni con gli autori, in ogni edizione, sono stati accompagnati da interventi musicali e dalle letture di brani curate da Arci Voce. L’intera documentazione, con le schede dei libri, le recensioni e il racconto delle serate, è disponibile sul blog Altroviaggio, curato da Arci Voce. Anche quest’anno, come già lo scorso anno, per le difficoltà e limitazioni poste alla partecipazione agli eventi in presenza, a causa covid, gli incontri sono stati anche trasmessi in streaming e registrati, e sono ancora disponibili:

Mauro Proietti Pannunzi, La linea delle Cure, Seri editore – incontro del 7 ottobre 2021

Sergio Sparapani, Le dieci battaglie della storia di Ancona, editore affinità elettive – incontro del 14 ottobre 2021
Claudio Piersanti, Quel maledetto Vronskij, Rizzoli editore – incontro del 21 ottobre 2021

seri

Alessandro Seri, Heautontimorumenos XXI, editore Arcipelago Itaca – incontro del 28 ottobre 2021


Lascia un commento

Corso di dizione e sviluppo della voce

Le associazioni Arci Voce e Casa delle Donne di Jesi ti invitano al corso di Dizione e Sviluppo della Voce che si terrà in a Jesi, in via Colocci 6, presso la sede della Casa delle Donne.

Mercoledì 20 ottobre 2021 presso i locali della Casa delle Donne in via Colocci 6 a Jesi, alle ore 18:00, prenderà il via con la prima lezione di prova gratuita, la quinta edizione del corso di Dizione e Sviluppo della Voce.


Il corso avrà una durata di 16 ore e consentirà ai partecipanti di perfezionare l’utilizzo della voce e migliorare la qualità delle proprie espressioni verbali secondo le regole di dizione e fonetica.


Dalle precedenti edizioni del corso di Dizione e Sviluppo della Voce è nato un gruppo di lettrici e lettori che promuove e partecipa ad eventi ed iniziative a carattere culturale del nostro territorio attraverso letture
pubbliche – tra cui la partecipazione ogni anno alla rassegna Le Marche in Biblioteca alla Planettiana di Jesi – la messa in scena di brevi rappresentazioni, spettacoli teatrali e laboratori e altre iniziative, tra cui nel periodo del lock down e di chisura delle scuole la produzione di video con la lettura delle “Favole al telefono” di Gianni Rodari.

Docente del corso sarà l’attrice e speaker radiofonica Maria Grazia Tiberi.
Arci Voce e Casa delle Donne invitano quanti sono interessati all’attività a partecipare alla lezione di prova gratuita, Mercoledì 20 ottobre alle ore 18.00 presso la Casa delleDonne in via Colocci 6 a Jesi.

Informazioni: 366 2573870 (Arci Voce) – 366 4818366 (Casa delle Donne).


Lascia un commento

La Memoria dei luoghi

Si è appena concluso il ciclo di quattro laboratori partecipati sulla Memoria promossi da Arci Jesi Fabriano e condotti da Arci Voce aps, con la collaborazione musicale del Duo Acefalo, nell’ambito del progetto regionale di Arci Marche denominato RigenerArci. I laboratori si sono svolti tra giugno e settembre in quattro diverse realtà arci del nostro territorio (nell’ordine: Circolo arci Il Corto Maltese di Fabriano, Circolo arci Ricreativo di Pantiere, Casa delle Culture / Casa delle Donne di Jesi, Circolo arci La casa di carte di Jesi), e hanno previsto in ciascuna alcuni incontri preliminari con gruppi di soci del circolo, per individuare con loro i temi da approfondire e per raccogliere notizie utili a scrivere i testi da leggere e a comporre o scegliere i brani musicali. Nella seconda fase si è svolto il vero e proprio laboratorio di lettura, con esercizi per lo sviluppo della voce, e quindi le “prove” per il saggio o evento pubblico finale, di restituzione e di condivisione con gli altri soci.

L’esperienza è stata positiva in tutte e quattro le realtà; in alcuni casi si trattava della prima attività sociale e culturale dopo le restrizioni a causa del covid, e quindi ha significato anche uno stimolo alla ripresa, ripartendo da noi stessi e dalle nostre memorie; tutto questo in modo partecipato e non soltanto con uno spettacolo portato da fuori. Stimolati da questo, nelle quattro realtà che hanno partecipato si stanno già organizzando anche altre iniziative, per proseguire insieme questo percorso, da proporre e sviluppare anche presso altri circoli.

Di seguito ecco le registrazioni video integrali dell’evento finale in ogni singola realtà:


Lascia un commento

“CreArci”, bando per le nuove associazioni

Il Congresso territoriale dell’Arci Jesi Fabriano tenuto sabato 23 novembre presso il Circolo Arci di Pantiere (Castelbellino), ha approvato il bando “CreArci” per promuovere l’associazionismo, rivolto a tutte quelle realtà sociali che vogliono costituire o stanno costituendo una nuova associazione per proporre attività culturali e sociali, o anche alle associazioni già costituite che vogliono rinnovare e rilanciare le loro attività.

L’Arci Jesi Fabriano intende mettere a disposizione degli interessati sia alcuni incentivi diretti al sostegno delle prime attività sia la consulenza per compiere i primi passi e definire meglio i propri progetti; in particolare sarà cura dell’Arci offrire tutte le informazioni utili sulle normative riguardanti l’associazionismo, anche alla luce delle attuali leggi di riordino del terzo settore, e più in generale sulle opportunità e collaborazioni che possonono derivare dall’adesione alla rete Arci.

Le realtà associative già costituite o che vogliono costituirsi, possono rivolgersi all’Arci presentando i loro progetti, mettendone in evidenza la rilevanza culturale e sociale.

Chi è anche soltanto incuriosito ad approfondire, può scaricare e leggere con attenzione il testo del bando, e nel caso voglia partecipare può scaricare il modulo e inviarcelo compilato al nostro indirizzo: jesi@arci.it. Invitiamo comunque gli interessati anche a contattarci direttamente per avere un colloqio, preferibilmente utilizzando lo stesso indirizzo email, o anche chiamando il numero 3281967178.

L’iniziativa, importante per sostenere l’associazionismo,  si affianca ad altre iniziative già avviate dall’Arci a livello regionale attraverso un’attività di progettazione coordinata per dare un sostegno e portare nuove iniziative presso i circoli Arci già attivi e storicamente presenti sul territorio; un primo gruppo di iniziative è stato già   realizzato nel 2019 presso una trentina di circoli arci delle regione, di cui alcuni nel nostro territorio, con il progetto “Arci in Movimento”, e nuove iniziative sono già in programma per il 2020 con un nuovo progetto regionale denominato “Rigenerarci”.